In Onda

the SOUNDNIGHT Raffinate melodie musicali

Home

Alain Mini – Questa Italia – Intervista

11 ottobre 2018 Charlieblog-Osvaldo Cultura e Spettacolo


Quest’anno a Central Station, abbiamo deciso di inserire uno spazio dedicato ai cantautori emergenti, per dare modo agli ascoltatori di conoscere realtà musicali differenti (e non necessariamente alternative) a quelle proposte dalle grandi case discografiche.

Oggi conosciamo Alain. Pisano classe 1986 con la passione per la musica elettronica e per la chitarra. Alla fine di questo articolo troverete i link ai suoi canali social e anche il podcast dell’intervista andata in onda in radio.

Quando gli chiedo di raccontarmi le origini della sua passione per la musica, mi dice che non ha alle spalle anni di accademie o chissà quale formazione in campo musicale. Ha fatto tutto da autodidatta. La chitarra, le esperienze da dj in molti club in Italia e nei villaggi turistici all’estero. Quello che mi piace evidenziare è il suo modo di trarre ispirazione e di scrivere, basato su quello che lo circonda. Semplice, diretto e senza peli sulla lingua. Una semplicità che fa breccia nei pensieri di chi lo ascolta, complici anche gli arrangiamenti molto “Basici” e per questo facilmente orecchiabili. Poco importa, la musica deve esserci ma l’importante è dire quello che ha in testa. Rimane leggermente interdetto (e piacevolmente sorpreso), quando faccio un paragone con il suo modo di fare musica e quello di chi ha trovato il coraggio, anni fa, di andare a San Remo con la sua chitarrina bonsai, a cantare di una “Gianna” (avete capito chi è?) così anticonformista per i bigotti standard di un tempo.

La canzone Questa Italia

L’espressione perfetta del racconto della filosofia dell’artista. Un quadro ironico e pungente della situazione economica, politica e sociale che il bel paese di trova ad affrontare in questo periodo.
La molla scatta quando in un periodo in cui Alain è alla ricerca di un lavoro e guardando intorno a sé vede che c’è solo tanta “Fuffa” e molte cose che funzionano male o non funzionano affatto. Ne viene fuori questo pezzo dal ritmo incalzante da subito. La chitarra acustica è lo strumento che la fa da padrone durante tutto il brano che risulta fresco ed orecchiabile. Una “canzonetta” banale? Manco per niente! Semmai una produzione artistica semplice con un alto potere comunicativo, che trasporta un messaggio di protesta universalmente condiviso.

Alain ci ha raccontato che ha avuto l’occasione, e io aggiungerei la faccia tosta di cantarla anche alla presenza di un esponente della Lega, che in maniera del tutto diplomatica non ha potuto far altro che accettare l’ironia e la schiettezza del messaggio.

Il brano e anche il suo video stanno riscuotendo tanto successo sia nella sua Pisa (dove lo passano anche durante l’intervallo delle partite allo stadio) che su internet. Ad averne tanti di artisti così in giro… forse faremmo sul serio la rivoluzione (senza cambiare operatore…).

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Vi riporto qui di seguito tutti i profili social di Alain, per ascoltarlo e seguirlo con le sue prossime produzioni musicali, il podcast dell’intervista alla radio e vi do appuntamento al prossimo artista.

Osvaldo Lanzillotti

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Se non vedi il player del podcast è probabile che il tuo Adblocker lo abbia nascosto clicca qui per ascoltare.

Alain Mini:

Facebook: https://www.facebook.com/mini.alain
Instagram: https://instagram.com/alain_cantautore
Twitter: https://twitter.com/AlainCantautore
Youtube: https://www.youtube.com/channel/UCBYTYKHuTb7sIxAk4vWS1BA


, , , , , ,

Share

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Campi obbligatori contrassegnati con*

Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, per migliorare l'esperienza utente. Maggiori info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi