In Onda

Tribute Frankie Knuckles Ascolta il meglio di Frankie Knuckles

Home

Ancora minacce di morte all’imprenditore Tiberio Bentivoglio

11 giugno 2017 Cronaca Cronaca giudiziaria Notizie


Ancora minacce di morte per l’imprenditore reggino antimafia e cittadino onorario di Roggiano Gravina Tiberio Bentivoglio. L’ultima in ordine di tempo ieri: una busta contenente diversi proiettili e una lettera scritta in dialetto calabrese dal chiaro contenuto intimidatorio è stata ritrovata dalla moglie Enza intorno alle 13, qualche minuto prima della chiusura dell’attività situata su Corso Vittorio Emanuele III di Reggio Calabria.

A farlo sapere, attraverso un comunicato, è il Coordinamento cittadino di Libera che parla di parole dure, violente, e che ancora una volta hanno turbato la vita della famiglia Bentivoglio.

“Frasi e oggetti simbolici – è scritto nella nota – che sono frutto di una logica mafiosa, perversa e criminale. Agli attimi di sconforto e smarrimento, assolutamente comprensibili, Tiberio ed Enza, hanno fatto seguire l’ennesima dettagliata e decisa denuncia.

Libera insieme alla rete ReggioLiberaReggio, continueranno con determinazione  a condividere e sostenere concretamente la resistenza di Enza e Tiberio. Non li lasciamo soli, con corresponsabilità cammineremo insieme per la ricerca della verità e giustizia.

Rinnoviamo la nostra gratitudine e fiducia nel lavoro delle forze dell’ordine, della magistratura e degli uomini e donne delle istituzioni che in questi anni di lotta e di grande fatica hanno assicurato il loro prezioso servizio ai nostri amici e a tutta la comunità reggina e calabrese”.

“Siamo certi – conclude il comunicato – che questo ulteriore tentativo di scoraggiare e intimidire la chiara scelta di vita di Enza e Tiberio fallirà come quelli precedenti.

Confidiamo nel coinvolgimento dei reggini onesti e liberi e nella loro scelta di sostenere con i fatti l’attività della Sanitaria Sant’Elia. Solo così faremo capire ai criminali che la loro strategia è perdente e non ha futuro”.

E al sostegno di Libera si aggiunge anche quello dell’Amministrazione comunale di Roggiano Gravina, guidata dal sindaco Ignazio Iacone, che ha detto: “Dispiace davvero tanto per quanto successo al nostro “concittadino” Tiberio, a sua moglie Enza e ai suoi figli.

Tiberio è un esempio di uomo e di vita. Di chi ha scelto una strada, quella della legalità e della giustizia, di chi non si piega al malaffare e alle minacce della mafia. Noi siamo con te”.

Non potevano mancare parole di coraggio e conforto anche da “Radio Charlie”, dove Tiberio è stato in più occasioni ospite per raccontare la sua storia e lanciare messaggi importanti ai nostri radioascoltatori.

L’ultima volta in occasione della “V giornata della legalità”, organizzata dall’amministrazione Iacone, nel corso della quale è stato insignito del premio “Legalità, sempre”.

Lo abbiamo definito il nostro “speaker antimafia” e con lui la nostra radio continuerà ad essere sempre di più cassa di risonanza contro il racket, contro il malaffare e contro ogni forma di sopruso e limitazione della libertà umana.

#noistiamoconitiberio

ALESSANDRO TROTTA


, , , , , , , ,

Share

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Campi obbligatori contrassegnati con*

Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, per migliorare l'esperienza utente. Maggiori info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi