In Onda

Vale chiama Argentina

Home

Gelato, davvero un peccato di gola?

30 maggio 2017 Lifestyle


Con l’arrivo del caldo e delle belle e lunghe giornate, arriva anche la voglia del tanto amato gelato, alimento gradito da grandi e piccoli. Buono, gustoso, e fresco.

Se consumato con intelligenza, senza eccedere in golosità, frequenza e facendo le giuste scelte tra le offerte di prodotti presenti sul mercato, non reca danno alla nostra linea, aiutandoci a mantenere il giusto peso e rimanere impeccabili per la prova costume.

Cosa c’è nel gelato?

Dal punto di vista nutrizionale è composto da uova, latte e zucchero ed in base ai gusti desiderati poi si aggiungono polpa di frutta, panna, cioccolato, biscotti, caffè e tanti altri ingredienti che forniscono numerosi nutrienti. Molto importante è la distinzione tra gelato artigianale e quello industriale: il primo è composto da materie prime fresche e di alta qualità, in cui possono essere presenti alcuni additivi naturali, come ad esempio la farina di semi di carrube con proprietà addensanti ma è privo di grassi vegetali idrogenati, conservanti, coloranti non naturali, aromatizzanti e ingredienti ogm che invece possono essere presenti nei prodotti industriali.

Quindi risulta già ben chiaro per quale gelato dovremmo optare quando ne abbiamo il desiderio! Il buon gelato deve essere un alimento completo ed equilibrato negli aspetti nutrizionali. Esso, infatti, contiene acqua, glucidi (zuccheri), lipidi (grassi animali e vegetali), proteine, Sali minerali, antiossidanti e vitamine. Inoltre è facilmente digeribile, dà buon umore e fornisce un’alta quantità di energia in quanto è immediatamente utilizzabile dall’organismo.

Gelato come sostituto del pasto

Il gelato può essere consumato, qualche volta, in sostituzione al classico pranzo apportando le giuste calorie. Se consideriamo ad esempio una coppetta con due palline alla crema o al cioccolato, l’apporto calorico è di circa 400 kcal, corrispondente più o meno ad un piatto di 100 g di pasta con olio e parmigiano, ma con la differenza che essendo zuccheri facilmente assimilabili è un alimento che impegna poco la digestione, perfettamente adatto per l’estate.

Meglio i gusti alla frutta e allo yogurt

Il gelato alla frutta dovrebbe essere maggiormente preferito, data la minor concentrazione di grassi e calorie ma anche il gusto allo yogurt, che è tra quelli più light in quanto è composto solo da yogurt, saccarosio e fruttosio, quando non contiene latte aggiunto, e fornisce solo 100 calorie per etto. Oltre al gelato alla frutta abbiamo anche il sorbetto che non contiene né latte né uova e l’unico ingrediente principale è la frutta fresca di stagione. Quest’ultimo a differenza del gelato non contiene alcun tipo di grasso e ciò comporta un’elevata concentrazione di zuccheri semplici che può essere però equilibrata ad esempio dall’assunzione di frutta secca, che per la presenza di grassi e proteine abbassa l’indice glicemico del sorbetto stesso.

Benefici del gelato

Il gelato oltre a soddisfare il nostro palato, ha anche numerosi benefici, come un buon livello di attività antiossidante (soprattutto per i gusti cioccolato, fragola e frutti di bosco, grazie alla vitamina A e C) e la sua capacità nutritiva soprattutto nelle diete degli inappetenti, grazie alla quantità di importanti Sali minerali, quali calcio e fosforo, vitamine A,B2,C in esso contenuti. È molto utile anche in coloro che hanno problemi di digestione, in quanto è in grado di stimolare la secrezione dei succhi gastrici e accelerare quest’ultima.

Quanto Mangiarne?

La cosa più importante è scegliere il formato e le tipologie adatti alla situazione di consumo: più opportuno per uno snack di metà mattina o metà pomeriggio optare per un formato da massimo 100-150kcal, mentre se lo consumiamo in sostituzione del pranzo possiamo consumarne uno da circa 350-440kcal, con l’aggiunta magari di buona frutta fresca per ottenere un pasto il più possibile completo e sano.

L’ideale per essere sicuri di non eccedere nelle calorie, sarebbe la preparazione del gelato in casa, ma questo spesso questo non è possibile per mancanza di strumenti e tempo, ma si potrebbe comunque optare ad esempio per delle granite di frutta: basta frullare la frutta a proprio piacimento, cercando di non renderla troppo liquida, magari con l’aggiunta di un po’ di yogurt e priva di zucchero e la poniamo nel nostro freezer. Dopo circa 3-4 ore abbiamo una gustosa merenda da poter gustare senza il minimo senso di colpa!! Bisogna sempre ricordare, però, che se assunto in grandi quantità o in maniera errata, il gelato può diventare “nocivo” per la nostra linea per cui è necessario porre molta attenzione e accortezza per poter evitare eventuali suoi effetti negativi.

 

 

 

 


, , , ,

Share

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Campi obbligatori contrassegnati con*

Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, per migliorare l'esperienza utente. Maggiori info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi