In Onda

NoStop '90s Il no-stop targato anni novanta su Radio Charlie

Home

Noi ci Sanremo 2019 – tutto sul festival – terza serata

8 febbraio 2019 Cultura e Spettacolo Notizie


Giro di boa per il festival della canzone italiana lo show si sta consolidando ma nel complesso ieri è stato un filo più noioso delle sere precedenti.

Baglioni Bisio e Raffaele

Lo so non si dovrebbe fare, ma per l’occasione facciamo di tutta l’erba un fascio. Sono tutti più sciolti e rilassati, si vede e lo show ne beneficia. Claudio Baglioni oramai canta e poco più, non che gli manchi titolo per farlo anzi… Il problema è che forse esagera. Tra il suo repertorio e quello degli ospiti in una serata Claudione si spara una ventina di brani, manco fosse la versione indoor del suo tour. Di Claudio in Claudio Bisio per tutta la serata si è messo al servizio del festival facendo il bravo presentatore, consegnando fiori e facendo da spalla ad una Virginia Raffaele decisamente più in spolvero rispetto a quanto visto fin ora. Bene le gag personali dei presentatori (come quella già vista di Bisio e gli Haters), decisamente meno bene quella di coppia con il duetto su “ci vuole un fiore” di Sergio Endrigo. Difficile da capire quella parte di spettacolo non è mai decollata veramente.

Ornella Vanoni e Patty Pravo– Sanremo, 7 febbraio
(ANSA/ETTORE FERRARI)

Gli ospiti

Tanti e di varia estrazione, una serata per “tirare a campare” nonostante la loro presenza e tutte le varie lungaggini, l’ultimo cantante in concorso si è esibito qualche minuto prima della mezzanotte.

  • Antonello Venditti: Uno dei pochi che può permettersi di presentarsi a Sanremo in jeans e cappello di paglia (per altro regalato ad una fan in prima fila). Figurone stratosferico ed immancabile duetto con Baglioni. Polemiche sulla tinta e difficoltà logistiche a parte (si stizzisce un pò quando per motivi tecnici deve spostarsi sul palco), può sicuramente considerarsi l’ospite chiave della serata;
  • Alessandra Amoroso: Il piumaggio aggressivo dell’abito rispecchia il suo carattere, la sua canzone tratta dall’album non ci entusiasma più di tanto, più emozionante invece il duetto con “Zio Claudio” (così lo chiama). Piange per l’emozione a fine esibizione quando riceve i fiori da Bisio. Difficile giudicare quanto sentisse la pressione, visto che c’è chi sostiene non abbia sufficienti titoli per fare il super ospite;
  • Ornella Vanoni: La gag della rincoglionita inscenata con la Raffaele, nella quale personaggio reale ed imitazione si intrecciano è una delle più divertenti di tutto il festival. Si prende pure il lusso di ricordare a mamma RAI di essere sul palco per amor di Virginia e di esserci andata completamente “Aggratis”. Fenomenale il commento “cara, vestita così mi sembri un cerino!”;
  • Raf e Umbero Tozzi: Ok un filino invecchiato il primo e ingrassato l’altro. La voce forse non è più la stessa, ed anche questo è vero. Ma vogliamo parlare del coinvolgimento del pubblico? Per un attimo abbiamo creduto che qualcuno nelle prime file del teatro facesse partire il trenino. Scherzi a parte, bene la modernizzazione dei loro brani in questa chiave moderna e grande performance sul palco scenico;
  • Paolo Cevoli: “Non sono più assessore sono stato trombato alle elezioni”. In quota forze a Bisio, arriva il comico romagnolo ed è subito Zelig. Dal teatro indesit è tutto!
  • Fabio Rovazzi: Qui andiamo in contrasto con la massa, non è che perchè adesso è il suo momento debba piacere per forza. La gag della sostituzione di Baglioni è fredda e palesemente falsa, canta, impiccia, intrallazza, ma cosa sta facendo? Qui ad onor del vero ci abbiamo capito ben poco. Poteva studiare qualcosa di diverso. Non fosse venuto fuori Fausto Leali a dire che il festival è truccato e lo vincerà lui…
  • Serena Rossi: Ma quanto è brava e quanto è bella sta ragazza? Ok altro mega markettone promozional-cinematografico, ma a differenza di quello di ieri sera almeno la parte artistica e contenutistica è stata di un certo spessore. Ci fareste un pensierino per la sua conduzione nel 2020?

Claudio Baglioni e Alessandra Amoroso – Sanremo, 7 febbraio
(ANSA/ETTORE FERRARI)I

Il dopo Festival

Siamo consapevoli che è difficilissimo provare anche solo a resistere svegli, visto che termina qualche minuto prima di unomattina. Ma vi possiamo assicurare che se il festival avesse lo stesso ritmo del talk di Papaleo Foglietta e Marchetto, farebbe almeno il 75% di share. Se non volete proprio fare l’alba, guardatelo in replica su Rai Play. Ne vale veramente la pena.

I cantanti in concorso

Nulla sul far della sera, anche qui ci siamo espressi durante la prima esibizione e aggiungeremo poco, se non le conferme positive per Mahmood, che piace a tutti meno che a noi, Simone Cristicchi in leggero recupero con Enrico Nigiotti e Zen Circus. In caduta libera invece Nino D’Angelo, Patty Pravo & Briga, Francesco Renga.

Questa sera sarà la volta dei duetti, attendiamo con ansia l’esibizione di Brunori SaS con gli Zen Circus.


Share

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Campi obbligatori contrassegnati con*

Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, per migliorare l'esperienza utente. Maggiori info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi