Radio Charlie

Live onair

Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

No stop Night

01:00 05:59

Show attuale

No stop Night

01:00 05:59

Background

Non sia occasionale l’attenzione sulla Saub di c/da Cardoso

Scritto da il 22 Maggio 2021

Roggiano G. – Quello sportello Saub di contrada Cardoso si sta dimostrando ottimo centro di vaccinazione. Ma, terminata quella funzione, quale destino è ad esso riservato ? Visti i precedenti tentativi di svuotamento, ed in qualche modo riusciti, si deve assistere indifferenti ad un suo smantellamento ? Interrogativi che si è evidentemente posto il locale Circolo del Pd, il quale con il suo responsabile Francesco Grosso ed il consigliere regionale Carlo Guccione ieri (venerdì) hanno fatto un blitz in quella struttura, nelle more che riprendessero le abituali operazioni pomeridiane di vaccinazione. I due rappresentanti del Pd, accompagnati anche dall’assessora alle finanze dell’Ente locale, Pina Vano (moglie del Grosso), hanno potuto constatare i “segni ben evidenti del degrado a causa della mancata sua manutenzione ordinaria – recita una nota a conclusione- e che nel corso degli anni ha visto chiudere molti servizi ambulatori inizialmente offerti ad una utenza di 20 mila abitanti”. Il che ha creato non pochi disagi e dispendi di energie economiche private per i cittadini della Valle dell’Esaro. Attualmente sono attivi presso quella Saub la Guardia medica, l’Ufficio Cup, l’Adi (Assist. Domiciliare integrata), l’Ufficio veterinario, il Cim (Centro di igiene mentale). Ma nel corso degli anni sono stati chiusi gli ambulatori di Diabetologia, Urologia, Fisiatria e Centro prelievi. Gli stessi macchinari di fisioterapia sono fermi da anni e da ammodernare. Guccione e “compagni”si dicono fermamente “contrari a tanta vera e propria spoliazione di servizi sanitari a danno dei cittadini in una struttura che potrebbe accogliere anche una specialistica di Ortopedia, oculistica e cardiologia”. Bisogna andare e vedere oltre la pandemia, viene affermato da Guccione e Grosso, e puntare a potenziare, altro che spoliare, il Poliambulatorio di Roggiano. Si tratta di un disegno strategico che,fra l’altro, abbatterebbe liste di attesa anche di un anno. “Non si muore solo di Covid-conclude la nota- ma molto più spesso a causa della mancata possibilità di  ricevere le cure appropriate per patologie ben più gravi e rinviate”. La visita ispettiva vuole essere un monito per la Politica locale, ma anche per l’alta dirigenza sanitaria territoriale che sullo sportello Saub vi è un monitoraggio vigile.


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *



Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi